Gli interrogativi circa la necessità e la bontà della riforma amministrativa che, nel 2014, ha istituito in Italia le Città Metropolitane hanno spinto l'autrice ad interessarsi, parallelamente, alla realtà francese che, negli stessi anni, si è trovata ad affrontare le medesime sfide.

Il confronto, qui proposto, fra le tradizioni dei due stati nel campo della pianificazione non ha volutamente il taglio di un'analisi tassonomica del governo del territorio in Francia e in Italia, ma costituisce piuttosto uno spunto per affrontare dubbi e perplessità sull'interpretazione scientifica di alcune dinamiche osservabili oggi nelle grandi città.

In maniera del tutto originale, le ricerche condotte, a partire dal 2017, in viaggio tra lo Stivale e l'Esagono, hanno visto alternarsi studi bibliografici e verifiche sul campo, interviste ad esperti e colloqui con le amministrazioni competenti.

La lettura parallela delle nascenti istituzioni metropolitane nei due Paesi si articola quindi, con vivacità, fra le tesi proposte dall'autore (cui è dedicato il nucleo centrale del volume) e le molteplici voci dei suoi interlocutori (presenti nei diversi capitoli, ma soprattutto nell'ultimo, dedicato ad interviste).

PRESENTAZIONE DELLA RICERCA
c/o ALBERGO DEI POVERI giovedì 12 dicembre alle 10
Sala b, torre centrale IV piano
Il volume sarà presentato all'interno del Corso di Processi Partecipativi (Prof. A. Pirni) in Amministrazione e Politiche pubbliche